"Theophano" una graphic novel sull'impero d'Oriente (ita/eng)

L'Associazione culturale Byzantion ha il piacere di ospitare i relizzatori della graphic novel "Theophano", che ci parleranno della loro Opera. Intervista a cura di Pietro Rubano Allora cominciamo subito


1) Raccontaci di te, delle tue passioni e ispirazioni e di cosa ti ha spinto a scrivere sull'impero Romano

Spyros: Sono Spyros Theocharis, sono lo scrittore della graphic novel “Theophano”! Nello specifico, ho scritto i dialoghi e fatto la maggior parte delle ricerche storiche sulla trama. Sono nato ad Atene, in Grecia, ed è lì che ho anche studiato lingua e letteratura inglese all'Università Kapodistrias di Atene.

Chrysa: Mi chiamo Chrysavgi Sakellaropoulou ma uso una versione abbreviata del mio nome "Chrysa Sakel". Sono l'illustratore della graphic novel. Sono nata ad Atene e fin da giovane ho preso lezioni di arte. La pittura era qualcosa che amavo fare, quindi per molti anni mi sono concentrata sull'arte tradizionale ed ho esposto i miei dipinti in mostre ad Atene.

"Theophano" è il mio primo serio tentativo di creare un libro illustrato con mezzi digitali.

L'idea di creare una graphic novel in epoca bizantina è nata dalla combinazione di entrambe le nostre passioni. Amo fare arte e Spyros è un fanatico della storia e dei fumetti.

Abbiamo notato quanto la narrativa medievale stia diventando popolare nella cultura pop, con nuovi spettacoli in arrivo di continuo (come Game of thrones, Vikings ecc.). E ci siamo chiesti perché non c'è quasi nulla relativo all'era bizantina. Sapevamo che ci sono molte storie eccitanti di quel tempo, che potrebbero facilmente creare una narrazione molto interessante, quindi abbiamo deciso di rappresentare visivamente il mondo di Bisanzio nelle pagine di una graphic novel. Abbiamo pensato che sarebbe stato qualcosa di unico nel suo genere, che non abbiamo mai visto da nessuna parte prima.

2) Sono d'accordo, i romani orientali sono molto trascurati. A proposito di Teofano e dei racconti in generale, come strutturerete i seguenti episodi?

In questo momento ci stiamo concentrando su "Theophano". È il nostro primo progetto e non abbiamo idea di cosa aspettarci. Quindi, lo stiamo promuovendo il meglio che possiamo e vedremo come reagiranno i lettori. Da quel momento in poi, decideremo quale sarà il nostro prossimo progetto. Stiamo pensando di fare un seguito alla storia, sul regno del primogenito di Teofano, Basilio II. Se tutto va bene, sogniamo di realizzare tutta una serie di libri sui famosi personaggi bizantini. Non solo intorno al periodo di tempo di Teofano, ma più tardi, durante la dinastia Comneno, o anche prima.




3) Personalmente non vedo l'ora. Parlando di Theophano, raccontaci il mix. Quanto di impostazioni storiche e accuratezza e quanta di idee originali e creatività sono necessarie per creare tale lavoro?

Onestamente, storicamente abbiamo cercato di mantenerlo il più accurato possibile, ma mentre ci lavoravamo ci siamo resi conto che, se avessimo mantenuto tutte le informazioni che abbiamo trovato sugli eventi, sarebbe stato un progetto senza fine. Quindi, per mantenerlo a una dimensione gestibile, abbiamo dovuto scorrere rapidamente alcune parti della storia reale e tagliare o combinare eventi e personaggi. Pensiamo che il risultato finale sia la giusta combinazione di improvvisazione ed eventi storici reali per sfociare in una narrazione entusiasmante che cattura l'attenzione del lettore senza diventare troppo difficile da leggere ma che si è anche rivelata preziosa informazione sulla vita bizantina. Avremmo potuto affrettare alcuni eventi, ma abbiamo mantenuto la maggior parte delle ambientazioni della graphic novel molto vicino alla storia reale. L'architettura degli edifici, le ambientazioni interne e le cerimonie rappresentate nel libro, hanno richiesto molte ricerche per essere disegnate con i giusti dettagli. E infine dobbiamo menzionare che il capitolo finale della storia è stato, storicamente, così interessante che non abbiamo cambiato quasi nulla dalle fonti. È l'unica parte del libro che possiamo dire è la più vicina a ciò che è realmente accaduto secondo la maggior parte delle fonti!

4) Chiaramente la giusta fusione tra intrattenimento e accuratezza storica. Ora una domanda personale: come hai raggiunto la storia bizantina e l'importanza nelle tue vite

L'eredità bizantina è evidente in molti aspetti della nostra vita qui in Grecia. La religione, la lingua, i balli tradizionali e la musica derivano tutti dalla stessa fonte. Il mondo medievale dei romani di lingua greca. Non dimentichiamo che i Greci si chiamavano romani (Ρωμηοί) fino all'inizio del XIX secolo. Pertanto, i bizantini sono ancora vivi nelle tradizioni della nostra società anche se le persone potrebbero non esserne consapevoli. La storia bizantina è il dominio di Spyros. Ha una libreria piena di libri su Bisanzio. Ha viaggiato molte volte a Istanbul e solo questo lo ha reso disponibile a saperne di più sulla storia medievale della città e, per estensione, anche sulla storia dell'Impero. Io stesso, ad essere onesto, percepivo Bisanzio nel modo in cui la percepiva la maggior parte delle persone. Stavo pensando a un periodo oscuro in declino, pieno di corruzione e senza cultura. Attraverso la mia ricerca, ho imparato molte cose che hanno cambiato la mia prospettiva. Ad esempio, una cosa che ho imparato è che i bizantini seguivano una dottrina diplomatica coerente, avevano una burocrazia organizzata e un esercito professionale permanente in un'epoca in cui la maggior parte degli altri stati non poteva raggiungere nemmeno le basi in termini di organizzazione statale. Quindi sì per me è come un nuovo campo da cui sto ancora imparando!

5) Non potrei essere più d'accordo su quest'ultimo. Ok quindi ultima domanda: sulla base di alcune ricerche approfondite che ho fatto e su quello che hai detto, quanto sono Ρωμαίοι i moderni Έλληνες? In che misura l'identità romana e successivamente l'eredità romana (i greci sono gli unici custodi della romanità secondo me) vive in Grecia? Come i greci vedono l'impero romano d'Oriente come uno stato ellenico o viceversa.

Phew! È un argomento abbastanza sconcertante a cui rispondere in così poche righe, ma ci proverò. Ebbene, come ho detto nella domanda precedente, l'impatto culturale dei bizantini è ancora predominante nella società greca, ma l'ideologia politica è cambiata negli ultimi secoli. La Grecia moderna è stata costruita su due pilastri principali, l'eredità bizantina e l'eredità della Grecia antica. Il primo mantenne in vita la nazione greca attraverso la continua esistenza della chiesa ortodossa durante il periodo ottomano, le leggende del risveglio dell'imperatore di marmo (riferito a Costantino XI) e le profezie che una "nazione bionda" avrebbe liberato Costantinopoli e ristabilito l'impero bizantino. Il secondo, sebbene sia diventato piuttosto popolare verso il XV secolo (vedi Gemistos Plethon), è emerso davvero durante il periodo dell'illuminismo europeo e del neoclassicismo. I greci hanno scoperto le loro antiche radici attraverso l'ovest. Le idee liberali dell'illuminismo crearono una tendenza per i greci che scoprirono nuovi eroi oltre all'imperatore di marmo. Ad esempio uno di loro era Temistocle che sconfisse i persiani che volevano privare i greci della loro libertà. I persiani erano facilmente associati agli ottomani che erano visti come i tiranni orientali. Questi due pilastri esprimevano opinioni diverse sulla grecità! Rigas Fereos uno dei pionieri dell'indipendenza greca, vide i greci più simili ai bizantini. Aveva una visione per creare una federazione bizantina che includesse tutto il popolo balcanico e che comprendesse tutti i territori dei Balcani e dell'Asia Minore occidentale. Adamantios Korais, un'altra importante figura greca, disprezzava Bisanzio e glorificava l'antica Grecia. Non userebbe mai la parola Ρωμαίος / romana per identificare un greco. Al contrario, ha usato la parola Γραικός (Grecos) che è effettivamente usata dalla maggior parte dei paesi al di fuori della Grecia per definire il paese. Più tardi, nel 1830, quando la guerra d'indipendenza greca ebbe un parziale successo poiché solo una piccola parte del popolo di lingua greca fu liberata, il re Ottone di Grecia, essendo il figlio del re bavarese che era un ammiratore della Grecia classica, trasferì la capitale ad Atene . Questa è stata una mossa puramente simbolica poiché Atene non era altro che un semplice villaggio. Nonostante tutto ciò, la romanità emerse dall'idea Megali e culminò con la guerra greco-turca del 1919-1922. Lo scambio delle popolazioni nel 1923, quando almeno un milione di greci che si chiamavano Rum / Ρωμιοί / romani e il declino della comunità greca di Istanbul mise fine sia all'idea di romanità / restauro bizantino che all'uso della parola Ρωμiος / Roman come identificatore. Per restaurazione bizantina intendo l'acquisizione di Costantinopoli da parte del moderno stato greco. Per citare Helene Ahrweiler, una delle più famose greco-bizantine, "la Grecia è l'unico Paese balcanico che non è riuscito a liberare la sua capitale". Pertanto, al giorno d'oggi, la maggior parte dei greci si associa per lo più al passato greco antico, poiché non esiste più alcun collegamento con i vecchi territori bizantini. Coloro che si preoccupano davvero della storia bizantina, visti come persone strane, di solito associate alla chiesa.Questo stereotipo negativo è purtroppo molto diffuso. Anche se può sembrare strano, molti greci moderni non sono in grado di associare il termine Ρωμιός a Bisanzio. Anche i discendenti dei Ρωμιοί scambiati del 1923 ora usano nuovi termini per identificarsi (Μικρασιάτες / Mikrasiates / Minor Asian) (Κωνσταντινοπολίτες / Constantinopolitans) Πόντιοι / Pontians). Spero di aver risposto alla tua domanda il più possibile. È davvero un argomento molto vasto da analizzare e ha molti parametri.



L'intervista è finita. È stato un vero piacere e spero di restare in contatto con voi. English version: The Byzantion Cultural Association is pleased to host the writers of the graphic novel "Theophano", who will talk to us about their work. Interview by Pietro Rubano Let's start right away then


1)Tell us about you, your passions and inspirations and what made you want to write about the Roman empire

Spyros: I am Spyros Theocharis, I am the writer of the graphic novel Theophano! Specifically, I wrote the dialogs and made most of the historical research regarding the story. I was born in Athens, Greece and it is there that I also studied English language and literature at the Kapodistrian University of Athens.

Chrysa: My name is Chrysavgi Sakellaropoulou but I use a shortened version of my name ‘’Chrysa Sakel’’. I am the illustrator of the graphic novel. I was born in Athens and from a young age I have been taking art classes. Painting was something I loved doing so for many years I focused on traditional art and exhibited my paintings in exhibitions around Athens.

‘’Theophano’’ is my first serious attempt on creating an illustrated book with digital means.

The idea of creating a graphic novel in the Byzantine era came from combining both our passions. I love making art, and Spyros is a history geek and comic book fan.

We noticed how popular medieval fiction is becoming in pop culture, with new shows coming up all the time (like Game of thrones, Vikings etc). And we wondered why there is almost nothing related to the Byzantine era. We knew that there are many exciting stories of that time, that could easily make a very interesting narrative, so we took the decision to visually depict the world of Byzantium in the pages of a graphic novel. We thought it would be something one of a kind, that we have never seen anywhere before.

2) I agree, eastern romans are very overlooked. Speaking of theophano and the tales in general, how will you structure the following episodes?

Right now we are focusing on “Theophano”. It is our first project and we have no idea what to expect. So, we are promoting it the best we can, and we will see how the readers respond to it. From then on, we will decide what our next project will be. We are thinking of making a sequel to the story, about the reign of Theophano’s first born son, Basil II. If everything goes well, we dream of making a whole series of books about famous Byzantine characters. Not only around Theophano’s time period, but later, during the Komnenos’ dynasty, or even earlier than that.

3) I personally look forward to it. Speaking of Theophano, tell us the mix. How much of historical settings and accuracy and how much of original ideas and creativity is needed to create such work?

Honestly, we tried to historically keep it as accurate as we could, but while working on it, we realized that, if we were going to keep every information we found about the events, it was going to be a never ending project. So, in order to keep it to a manageable size, we had to rush through some parts of the real history and cut off or combine events and characters. We think the final result is the right combination of improvisation and real historical events to result in an exciting narrative that catches the reader’s attention without becoming too hard to read but also proved valuable information about Byzantine life. We might have rushed some events, but we kept most settings in the graphic novel very close to real history. The buildings’ architecture, interior settings and the ceremonies depicted in the book, required a lot of research to be drawn with the right details. And finally we should mention that the final chapter of the story was, historically, so interesting that we barely changed anything from the sources. It is the one part of the book that we can say is the closest to what actually happened according to most sources!

4) Clearly the right fusion between entertainment and historical accuracy. Now a personal question: how did you catch up with byzantine history and the importance in your lives

The Byzantine legacy is obvious in many aspects of our lives here in Greece. The religion, the language, the traditional dances and music all derive from the same source. The medieval world of the Greek speaking Romans. Let's not forget that the Greeks called themselves as Romans(Ρωμηοί) up until the early 19th century. Therefore, the Byzantines are still alive in our society's traditions even though people may be unaware of that. The Byzantine history is Spyros' domain. He has a bookcase full of books regarding Byzantium. He has travelled a lot of times to Istanbul and this alone made him willing to learn more and more about the city's medieval history and by extension the Empire's history as well. I myself to be honest, perceived Byzantium the way most people did. I was thinking of a declining dark ages period full of corruption and no culture whatsoever. Through my research, I learned a lot of things that changed my perspective. For instance, one thing I learned was that the Byzantines followed a consistent diplomatic doctrine, had an organised bureaucracy and a standing professional army in a time when most other states couldn't achieve even the basics in terms of state organisation. So yes for me is like a new field from which I am still learning!

5) Couldn't agree more on this last one. Ok so last question: based on some extended research i did and on what you said, how much the modern Έλληνες are Ρωμαίοι? To what extent the Roman identity and subsequently the Roman legacy (Greeks are the only keepers of Romanity in my opinion) lives in Greece? How the greeks see the eastern Roman empire as an hellenic state or viceversa.

Phew! That's quite perplexing topic to answer in so few lines, but I will try. Well as I mentioned in the previous question, the cultural impact of the Byzantines is still predominant in the Greek society but the political ideology shifted over the last centuries. Modern Greece was built on two main pillars, the Byzantine legacy, and the Ancient Greek legacy. The first one kept the Greek nation alive through the continuous existence of the Orthodox church throughout the Ottoman times, the legends of the awakening of the marble Emperor(referring to Constantine XI) and the prophecies that a "blonde nation" would liberate Constantinople and reestablish the Byzantine Empire. The second one, although it became quite popular towards the 15th century (see Gemistos Plethon), it really emerged during the period of the European enlightenment and Neoclassicism. The Greeks discovered their ancient roots through the west. The liberal ideas of the enlightenment created a trend for the Greeks who discovered new heroes apart from the marble emperor. For instance one of them was Themistocles who defeated the Persians who wanted to deprive the Greeks of their liberty. The Persians were easily associated with the Ottomans who were seen as the Eastern tyrants. These two pillars expressed different views of Greekness! Rigas Fereos one of the pioneers of the Greek independence, saw the Greeks more like the Byzantines. He had a vision to create a Byzantine federation including all the Balkan people and encompassing all the territories of the Balkans and Western Asia Minor. Adamantios Korais, another major Greek figure, despised Byzantium and glorified ancient Greece. He would never use the word Ρωμαίος/Roman to identify a Greek. On the contrary he used the word Γραικός(Grecos) which is actually used by most countries outside Greece to define the country. Later, in 1830 when the Greek independence war was partially successful as only a small part of the Greek speaking people were liberated, King Otto of Greece, being the son of the Bavarian king who was an admirer of classical Greece, moved the capital to Athens. This was purely a symbolic move as Athens was nothing more than a mere village. Despite all that, the Romanness emerged through the Megali idea and culminated with the Greco-Turkish war of 1919-1922. The exchange of the populations in 1923 when at least one million Greeks who called themselves Rum/Ρωμιοί/Romans and the dwindling of the Greek community of Istanbul put an end to both the idea of Romanness/Byzantine restoration and the usage of the word Ρωμiος/ Roman as an identifier. By Byzantine restoration I mean the acquisition of Constantinople by the modern Greek state. To quote Helene Ahrweiler ,one of the most famous Greek Byzantinists, "Greece is the only Balkan country that didn't achieve to liberate its capital city". Therefore, nowadays, the majority of Greeks associate themselves mostly with the ancient Greek past, as there is no connection anymore to the old Byzantine territories. Those who actually care about Byzantine history, as seen as weird people, usually associated with the church.This negative stereotype is unfortunately widespread. Although it may sound weird, many modern Greeks aren't able to associate the term Ρωμιός with Byzantium. Even the descendants of the exchanged Ρωμιοί of 1923 now use new terms to identify themselves(Μικρασιάτες/Mikrasiates/Minor Asian) (Κωνσταντινοπολίτες/Constantinopolitans) Πόντιοι/Pontians). I hope I covered your question as much as possible. It's really a very big topic to analyse and has a lot of parameters.

The interview is over. It has been a real pleasure and I hope to keep in touch with you others.

70 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Copyright © 2003/2020 Associazione Culturale Byzantion. Tutti i diritti riservati. Il logo di Assobyzantion è stato disegnato da Erika Lampugnani.
Tutto il materiale testuale, grafico, fotografico pubblicato su presente portale e su tutti quelli correlati, quando non indicato diversamente, è di proprietà dell'associazione culturale Byzantion ed è protetto da copyright.
Ne è vietata la copia, la diffusione o l'utilizzo con qualsiasi mezzo, senza autorizzazione scritta da parte di Associazione Culturale Byzantion, da richiedere tramite e-mail all'indirizzo: assobyzantion@gmail.com

Associazione Culturale Byzantion/Assobyzantion

CF 92054910150 Attività 949920

Supportaci con una donazione su Paypall

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now